SCELTE INFELICI NON CONCORDATE CON L’AMMINISTRAZIONE

Stasi: «Check-point inutili e deleteri intorno all’area evento di ieri. Necessario maggiore rispetto per la comunità»
CORIGLIANO-ROSSANO, 16 agosto 2021 – Nel corso della bella serata di ieri – 15 agosto 2021 – nella quale siamo riusciti con mille sforzi e fra mille difficoltà a celebrare nel centro storico di Rossano tanto il rito religioso in onore della SS. Achiropita seppur, purtroppo, senza processione, quanto il consueto concerto di Ferragosto, sebbene in un luogo inedito, non posso non sottolineare pubblicamente che si sono registrate ingiustificate anomalie nella gestione della cosiddetta sicurezza.

Organizzare un concerto gratuito in una Piazza, in un luogo pubblico all’aperto, quest’anno, quindi nel pieno rispetto delle normative in materia di contenimento dell’emergenza pandemica dettate dal governo nazionale e accettate da tutti gli enti locali sul territorio nazionale, è stato compito arduo ed improbo, al punto che molte amministrazioni hanno deciso di cancellare questi eventi e rimandarli alla prossima estate o si sono limitati all’organizzazione di manifestazioni di modeste dimensioni, in posti chiusi, ed a pagamento. Tali difficoltà organizzative, poi, diventano ancor più gravose all’interno di un centro storico con la sua architettura e toponomastica. 

Come Amministrazione Comunale ci siamo assunti la piena responsabilità, invece, di organizzare comunque il concerto in piazza, per tenere viva la tradizione anche in tempo di pandemia e per consentire a migliaia di persone di visitare e vivere uno dei nostri splendidi centri storici in occasione dei festeggiamenti. Una organizzazione ardua, che ci ha imposto molte scelte difficili, a partire proprio dal luogo del concerto che secondo gli organi di sicurezza avrebbe dovuto tenersi all’Anfiteatro De Rosis, ipotesi che abbiamo rigettato perché troppo distante dal cuore del centro storico e a nostro avviso dalla tradizione della nostra storia.

Proprio per questi sforzi fatti sono state totalmente ingiustificate, arbitrarie e deleterie, oltre che scorrette dal punto di vista istituzionale, alcune scelte, operate evidentemente all’ultimo minuto, da parte della gestione della Sicurezza Pubblica. Per alcune ore tali scelte hanno causato una militarizzazione scenica della zona dell’evento, non consentendo a cittadini, visitatori, gente comune di transitare a piedi per le vie della città, creando assembramenti e legittime tensioni, e, paradossalmente, violando le norme anti-contagio visto il rischio di creare assembramenti nelle vie di accesso. Di questa strampalata ipotesi non si era minimamente e assolutamente discusso nel corso degli incontri preparatori al concerto, durante i quali erano presenti tutti i soggetti istituzionali ed era stato ampiamente affrontato ed approntato il piano delle misure di sicurezza da intraprendere e che l’Amministrazione ha prontamente realizzato: basti pensare al corridoio libero e transennato intorno all’area dell’evento.

Probabilmente chi ha operato certe scelte è stato influenzato dalle brutte scene televisive di città sotto assedio, che nulla hanno a che vedere con la giornata gioiosa, ordinata e di festa che ha vissuto ieri la nostra città. Tali scelte autoreferenziali e completamente avulse dalla realtà, che denotano incapacità di gestione e di relazioni istituzionali, sulle quali sono dovuto personalmente intervenire duramente già ieri stesso e che intendo stigmatizzare pubblicamente, hanno impedito per più di un’ora a decine di famiglie di godersi una serena passeggiata in sicurezza nel centro storico.

Esattamente come accaduto il 5 agosto nel difficile contesto del Palmeto in occasione del concerto dei Subsonica, anche ieri non si sarebbe creato alcun pericolo per la comunità grazie alle misure introdotte dall’Amministrazione Comunale nell’arco dell’intera zona interessata, mentre gli assembramenti ieri sono stati causati proprio da questi bizzarri check-point che avevano un sapore di blindatura e film d’azione. Non a caso, una volta eliminate queste assurde barriere, tutto è proseguito tranquillamente e temiamo non sia un caso se la gestione della Pubblica Sicurezza in occasione del concerto del 5 agosto, quando tutto fu perfetto e concordato, era delegata a soggetti diversi rispetto a ieri.

Per altro più volte nel corso degli ultimi mesi è stata chiesta collaborazione e manifestazione della presenza degli organi dello stato per problemi seri ed importanti riguardanti la sicurezza e la legalità sul territorio cittadino, per i quali però l’Amministrazione Comunale è stata e continua ad essere lasciata troppo spesso, deliberatamente, sola.

Credo che la collaborazione istituzionale rappresenti un faro incrollabile della democrazia e della gestione della vita pubblica.  Per questa ragione ho spesso assunto posizioni esclusivamente riservate di fronte alle numerose mancanze di altri organi dello Stato nei confronti del nostro territorio, consapevole che il mancato dialogo tra istituzioni generi confusione, ma ciò evidentemente non è stato compreso e non intendo consentire in silenzio nessuna ulteriore mancanza di rispetto verso la nostra comunità e le istituzioni che la rappresentano.

IL SINDACO
FLAVIO STASI