PIANO URBANO DI MOBILITÀ SOCIALE INCONTRI INCLUSIVI CON LE PARTI INTERESSATE

Novello: L’amministrazione non vuole un piano del traffico calato dall’alto

CORIGLIANO-ROSSANO, 6 agosto 2021 – Persona, Inclusività, interconnessione e Sostenibilità. Sono queste le parole chiave del PUMS, Piano Urbano di Mobilità Sociale che prende sempre più corpo. Al confronto sulla redazione del piano stesso l’assessore alla Mobilità Tatiana Novello ha invitato il consiglio comunale, come stakeholder le parti sociali, le forze dell’ordine, le dirigenze comunali e quelle scolastiche, l’Asp, la Protezione Civile, le associazioni di bikers proprio per la realizzazione di una bozza di piano che fosse il più possibile non solo condiviso, ma che accettasse e tenesse conto delle esigenze e delle proposte di tutte le componenti della città unica di Corigliano-Rossano.

«L’amministrazione non voleva un piano calato dall’alto – ha commentato l’assessore Novello – ma un piano del traffico e della mobilità nuovo per la Città Nuova ed Unica di Corigliano-Rossano che recepisse le indicazioni della transizione ecologica, della sostenibilità, dello sviluppo economico, della inclusione sociale e che mettesse la persona e la sua vita quotidiano al centro». Un piano, inoltre, che non si ferma al solo territorio comunale, che è il più grande della Calabria, ma che comprende anche i collegamenti fino a Sibari e Cosenza, e che già dal principio coinvolgesse i portatori di interesse. Sarà approntato un biciplan, la pianificazione delle piste ciclabili, in modo da avere una programmazione complessiva di percorsi contigui per tutta la città.

Durante i numerosi incontri si sono trattati i temi  dell’unione ciclopedonale del lungomare,  dei nuovi percorsi ciclopedonali,  i nuovi marciapiedi per una città sostenibile ed inclusiva, ricordando dei progetti (Rigenerazione Cantinella e Pinqua) che già vanno in tale direzione con pavimentazioni tattili, zone d’ombra attrezzate, percorsi inclusivi in salita, si è discusso delle nuove rotatorie, delle arterie stradali per la migliore fluidificazione del traffico soprattutto nei pressi degli accessi alle scuole e della accessibilità in sicurezza, si è approfondito il PTPL – Piano del Trasporto Pubblico Locale, redatto su incarico di questa amministrazione e depositato in Regione nel 2020 (oltre alla nostra città solo Reggio Calabria ha depositato il piano) e si resta in attesa del deposito delle altre città per la gara regionale. Il Piano prevede l’aumento di corse e di linee in tutto il comune, e soprattutto la loro interconnessione, con una linea veloce tra i due centri e coincidenze tra i vari punti della città.

Accolta con favore dalle dirigenze scolastiche la sperimentazione del Pedibus, con il supporto del terzo settore.

«Dobbiamo offrire una scelta affidabile e seria ai nostri cittadini per convincerli a non usare il mezzo privato» ha sottolineato ancora una volta l’assessore Novello, mostrando come saranno realizzate le corse veloci fra Corigliano e Rossano, oltre che sollecitata l’elettrificazione ferroviaria fino a Sibari e magari fino a Cosenza.

Riguardo al nodo sicurezza dopo l’introduzione delle nuove rotatorie si sta pensando alla pedonalizzazione di alcuni tratti importanti, come di parte delle vie nazionali, in modo pianificato e non estemporaneo. Sono, in proposito, stati ascoltati i rappresentanti delle associazioni dei commercianti e degli esercenti.  Importante è anche la possibilità della viabilità marittima per lo sviluppo del turismo. Un partenariato pubblico-privato al vaglio per la costituzione di un servizio di aliscafi che permette di raggiungere le vicine coste pugliesi, come Gallipoli.

Il piano è ambizioso ma completamente fattibile e sostenibile.

Ancora una volta mostra come l’amministrazione guidata dal sindaco Stasi si muove nell’intenzione di uno sviluppo di medio-lungo termine, ascoltando i cittadini, e non di soluzione tampone non pianificate.